Principio di invarianza della soglia di anomalia

17 Luglio 2019 CGARS. Il principio di invarianza della soglia di anomalia mira ad evitare che, nel caso di esclusione di un concorrente dalla procedura di gara, la stazione appaltante debba retrocedere la procedura fino alla determinazione della soglia di anomalia delle offerte, cioè della soglia minima di utile al di sotto della quale l'offerta si presume senz'altro anomala, con l'inconveniente del conseguente prolungamento dei tempi della gara e del dispendio di risorse umane ed economiche Consulta qui il CGARS n.604/2019 ...
Read More

Accertamento approfondito per le dichiarazioni false

16 Luglio 2019 TAR. L’espulsione dalla gara dell’operatore economico che fornisce informazioni false o fuorvianti mira a preservare l’interesse dell’Amministrazione a non trattare con operatori economici che non diano sufficienti garanzie in ordine alla propria affidabilità morale e professionale. Infatti, le informazioni false o fuorvianti sono idonee a influire in modo notevole sul processo decisionale della stazione appaltante, in relazione al pregio tecnico delle offerte ovvero all’individuazione dell’aggiudicatario. Consulta qui il TAR Lombardia n.1567/2019 ...
Read More

Valutazione dei gravi illeciti professionali

15 Giugno 2019 CGARS. L’elenco degli illeciti professionali contenuto nell'art. 80, comma 5, lett. c), d.lgs. n. 50/2016 non è tassativo ma esemplificativo, e resta sempre rimessa alla stazione appaltante la valutazione caso per caso in ordine alla affidabilità del concorrente.  Consulta qui il CGARS n.662/2019 ...
Read More

Anomalia e gli oneri della sicurezza

12 Luglio 2019 CDS. Il giudizio di incongruenza dell’offerta economica deve essere condotto allargando lo sguardo a tutti gli elementi positivi e negativi, quindi attraverso una valutazione complessiva in grado di compensare voci di prezzo eccessivamente basse con altri e maggiormente capienti elementi dell’offerta. In ogni caso, gli oneri aziendali della sicurezza devono essere rapportati all’entità e alle caratteristiche della fornitura. Consulta qui il CDS n.4871/2019 ...
Read More

Immodificabilità della graduatoria nel confronto a coppie

11 Luglio 2019 CDS. Non rileva, ai fini del calcolo delle medie e per l’individuazione della soglia di anomalia delle offerte, una qualsiasi variazione che sopravviene, anche in conseguenza di una pronunzia giurisdizionale, successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione od esclusione delle offerte. Tale norma si ricava dall'articolo 95 del d.lgs 50/2016 ed è espressiva del generale principio della immodificabilità della graduatoria (con conseguente irrilevanza delle sopravvenienze), trova applicazione anche nel caso del c.d. confronto a coppie, ove la graduatoria finale viene stilata attribuendo a ciascun concorrente un punteggio finale che è pari alla media dei punteggi dallo stesso riportati all’esito dell’insieme dei confronti con gli altri concorrenti ed operando la “normalizzazione” al valore “uno” in relazione al concorrente che abbia riportato il punteggio più alto . Consulta qui il CDS n.4789/2019 ...
Read More

Inammissibilità del ricorso sulle valutazioni delle offerte

10 Luglio 2019 TAR. La valutazione delle offerte e l’attribuzione dei punteggi da parte della commissione giudicatrice, rientrano nell’ampia discrezionalità tecnica riconosciuta a tale organo, sicché le censure che impongono il merito di tale valutazione sono inammissibili, perché sollecitano il giudice amministrativo ad esercitare un sindacato sostitutorio, al di fuori dei tassativi casi sanciti dall’art. 134 c.p.a., fatto salvo il limite della abnormità della scelta tecnica. Consulta qui il TAR Puglia n.1125/2019 ...
Read More

Irregolarità fiscale definitivamente accertate

09 Luglio 2019 TAR. Costituiscono “violazioni definitivamente accertate” quelle contenute in sentenze o atti amministrativi non più soggetti ad impugnazione. Deve pertanto affermarsi che, ai sensi e per gli effetti dell’art. 80, comma 4, del dlgs 50/2016, va ritenuta la sussistenza di violazioni definitivamente accertate degli obblighi di pagamento di imposte e tasse, in presenza di cartelle esattoriali non oppugnate, ancorchè sia pendente una contestazione giudiziaria di atti della riscossione coattiva ad esse successivi. Consulta qui il TAR Lazio n.8038/2019 ...
Read More

Omissione della firma di un componente un RTP

08 Luglio 2019 TAR. L’omissione della firma dei partecipanti alla gara in una RTP costituenda su un elemento dell’offerta tecnica, proprio in quanto incidente sulla certezza della provenienza e della piena assunzione di responsabilità in ordine ai contenuti della dichiarazione nel suo complesso, non può essere considerata mera irregolarità formale sanabile con il soccorso istruttorio ai sensi dell’art. 83 comma 9 del d.lgs. n. 50/2016, essendo ciò anche coerente con il principio di par condicio tra i concorrenti, e senza che sia necessaria ai fini dell’esclusione una espressa previsione della lex specialis. Consulta qui il TAR Lazio n.8849/2019 ...
Read More

La carenza della deduzione dei vizi vieta il ricorso

05 Luglio 2019 CDS. L’impugnativa autonoma del bando in qualità di mero partecipante alla procedura è inammissibile, se non sono dedotti anche i vizi comportanti l’esclusione dalla partecipazione alla gara, per carenza di una lesione concreta e attuale. L’interesse a ricorrere deve infatti costituire “una conseguenza immediata e diretta del provvedimento dell’Amministrazione, infatti, a fronte di una clausola illegittima della lex specialis, il concorrente non è ancora titolare di un interesse attuale all’impugnazione, poiché non sa ancora se l’astratta e potenziale illegittimità della clausola si risolverà in un esito negativo della sua partecipazione alla procedura concorsuale, e quindi in una effettiva lesione della situazione soggettiva che solo da tale esito può derivare. Consulta qui il CDS n.4463/2019 ...
Read More

Pertinenza con l’oggetto principale dell’appalto

04 Luglio 2019 TAR. La valutazione della ”adeguatezza”, richiesta dalla lex specialis, dell’attività risultante dall’iscrizione al registro delle imprese a quella oggetto dell’appalto, pur non implicando una pedissequa corrispondenza tra dette attività, che restringerebbe ingiustificatamente la platea dei potenziali concorrenti alla gara, postula in ogni caso che le prestazioni che compongono il servizio possano essere quantomeno ricondotte nell’ambito di un’unica prevalente attività, idonea appunto a ricomprenderle. In altri termini, qualora la descrizione dell’oggetto sociale risultante dall’iscrizione alla Camera di commercio industria e artigianato non contempli in modo espresso tutti i vari tipi di prestazione oggetto di appalto, queste ultime devono purtuttavia trovare congruenza contenutistica e riferimento in una attività che si connoti come principale rispetto alle altre prestazioni poste in gara, definibili come secondarie. Consulta qui il TRGA Trento n.96/2019 ...
Read More