Annotazione nel casellario ANAC

28 Giugno 2019 TAR. L’annotazione nel casellario di notizie ritenute utili deve avvenire in applicazione dei canoni di proporzionalità e ragionevolezza dell’azione amministrativa; il che presuppone, oltre al fatto che le vicende oggetto di annotazione siano correttamente riportate, anche che le stesse non siano manifestamente incoerenti. Il fatto che le queste non impediscano, in via automatica, la partecipazione alle gare, non esonera l’Autorità da una valutazione in ordine all’interesse alla conoscenza di dette vicende, la cui emersione deve avvenire in forza di un processo motivazionale. Consulta qui il TAR Lazio n.8269/2019 ...
Read More

Verifica del possesso dei requisiti all’esito della gara

27 Giugno 2019 CDS. L’art. 32, comma 7, d.lg. n. 50 del 2016 rimanda la verifica del possesso dei requisiti alla fase successiva all’aggiudicazione, quale condizione integrativa dell’efficacia di quest’ultima, con la conseguenza che quanto dichiarato dagli operatori economici concorrenti nella domanda di partecipazione alla gara e nel documento di gara unico europeo costituisce prova documentale sufficiente del possesso dei requisiti dichiarati, dovendo essere basata su tali dichiarazioni la relativa valutazione ai fini dell’ammissione e della partecipazione alla gara, che spetta alla commissione di gara. Inoltre, fatte salve diverse previsioni della "lex specialis" e fatto comunque salvo l’esercizio delle facoltà riconosciute alla stazione appaltante dall’art. 85, comma 5, d.lg. n. 50 del 2016, soltanto all’esito della gara, dopo l’approvazione della proposta di aggiudicazione ed il provvedimento di aggiudicazione, si procede alla verifica del possesso dei prescritti requisiti, non da parte della commissione di gara, ma da parte della stazione appaltante mediante richiesta all’aggiudicatario di presentare i documenti all’uopo necessari, in...
Read More

DURC difforme rispetto all’effettivo rapporto previdenziale

26 Giugno 2019 CDS. In presenza di DURC irregolare che non corrisponde alla reale situazione contributiva dell’operatore economico, e che abbia comportato l’adozione di un provvedimento espulsivo da parte della stazione appaltante, è consentita l’impugnazione delle determinazioni cui è giunta la stazione appaltante dinanzi al giudice amministrativo, il quale ha la possibilità di compiere un accertamento puramente incidentale, ai sensi dell’art. 8 Cod. proc. amm., sulla regolarità del rapporto previdenziale. Tuttavia, in capo all'operatore economico sussiste un onere di attivazione per ottenere la certificazione del credito nei confronti delle pubbliche amministrazioni; certificazione che, accertando i caratteri del credito, è condizione per l’attestazione della regolarità contributiva e, quindi di un DURC per compensazione. Consulta qui il CDS n.4188/2019 ...
Read More

Errore nella domanda di partecipazione

25 Giugno 2019 CDS. Ai sensi dell’art. 1324 Cod. civ. sono applicabili agli atti unilaterali a contenuto patrimoniale, salvo diverse disposizioni di legge, le norme che regolano i contratti, in quanto compatibili; tra queste indubbiamente applicabili sono gli artt. 1427 e ss. Cod. civ. che disciplinano l’annullabilità del contratto per errore. L’art. 1428 Cod. civ., in particolare, prevede che l’errore è causa di annullamento del contratto, se “essenziale” e “riconoscibile dall’altro contraente”. Per il caso di atto unilaterale recettizio l’errore deve essere riconoscibile dal soggetto cui l’atto è diretto. L’art. 1431 Cod. civ. precisa che l’errore si considera riconoscibile se “in relazione al contenuto, alle circostanze del contratto ovvero alla qualità dei contraenti, una persona di normale diligenza avrebbe potuto rilevarlo”. Spetta a colui che invoca l’errore dimostrare la riconoscibilità dello stesso. Consulta qui il CDS n.4198/2019 ...
Read More

Dichiarazione d’impegno dell’ausiliaria

24 Giugno 2019 TAR. La dichiarazione d’impegno dell’ausiliaria costituisce lo strumento attraverso il quale l'operatore economico assume un obbligo giuridico diretto nei confronti della stazione appaltante. La giurisprudenza ha evidenziato come “le dichiarazioni dell'impresa ausiliaria e il contratto di avvalimento siano atti diversi, per natura, contenuto e finalità. Infatti, il contratto di avvalimento è l'atto bilaterale di costituzione di un rapporto giuridico patrimoniale, stipulato tra l'impresa partecipante alla gara e l'impresa ausiliaria, contemplante le reciproche obbligazioni delle parti e le prestazioni da esse discendenti”. Le dichiarazioni dell'impresa ausiliaria e il contratto di avvalimento non sono sovrapponibili, nonostante il loro contenuto risulti in parte simile. Deve, allora, ritenersi che il documento d’impegno dell’ausiliaria non possa essere acquisito attraverso il soccorso istruttorio. Consulta qui il TAR Lazio n. 8121/2019 ...
Read More

Insindacabilità del giudizio sulla offerta anomala

21 Giugno 2019 TAR. Nelle gare pubbliche, il giudizio circa l'anomalia o l'incongruità dell'offerta costituisce espressione di discrezionalità tecnica, sindacabile dal Giudice Amministrativo solo in caso di macroscopica illogicità o di erroneità fattuale e, peraltro, non può essere esteso ad una autonoma verifica della congruità dell'offerta e delle singole voci. Consulta qui il TAR Toscana n.925/2019...
Read More

Esperienza dei commissari di gara

20 Giugno 2019 CDS. L'art. 77 d. lgs. n. 50 del 2016 nello specificare che la composizione della commissione di gara deve essere composta da «esperti nello specifico settore cui afferisce l’oggetto del contratto», presuppone solo la prevalente, seppure non esclusiva, presenza di membri esperti del settore oggetto dell’appalto. Infatti, tale norma deve essere intesa in modo coerente con la poliedricità delle competenze richieste. Quindi, non è necessario che l’esperienza professionale di ciascun componente copra tutti gli aspetti oggetto della gara, potendosi le professionalità dei vari membri integrare reciprocamente, in modo da completare ed arricchire il patrimonio di cognizioni della commissione, purché idoneo, nel suo insieme, ad esprimere le necessarie valutazioni di natura complessa, composita ed eterogenea. Consulta qui il CDS n.4050/2019 ...
Read More

Una dichiarazione omessa non può essere causa di esclusione

19 Giugno 2019 TAR. Solo alla condotta che integra una falsa dichiarazione consegue l’automatica esclusione dalla procedura di gara poiché depone in maniera inequivocabile nel senso dell’inaffidabilità e della non integrità dell’operatore economico, mentre, ogni altra condotta, omissiva o reticente che sia, comporta l’esclusione dalla procedura solo per via di un apprezzamento da parte della stazione appaltante che sia prognosi sfavorevole sull’affidabilità dello stesso. La omessa dichiarazione delle sanzioni antitrust irrogate, tuttavia, non possono annoverarsi tra le “circostanze specifiche", facilmente e oggettivamente individuabili e direttamente qualificabili come cause di esclusione in quanto tali destinate ad assumere rilievo ai sensi e per gli effetti di cui all'art.80 comma 3 lettera f-bis. Consulta qui il TAR Calabria n.1140/2019 ...
Read More

Annullamento Permesso di costruire

11 Settembre 2018 - CONSIGLIO DI STATO. Nelle Pubbliche Amministrazioni «l’annullamento d’ufficio di un permesso a costruire, successivamente valutato come illegittimo, è possibile anche ad una distanza temporale considerevole dal titolo medesimo, ma deve essere adeguatamente motivato in relazione alla sussistenza di un interesse pubblico concreto e attuale, tenuto anche conto degli interessi dei privati coinvolti». Qui Sentenza Cds Sez IV n.5277 del 07/09/2018...
Read More

Referenze Bancarie per Requisiti Economici

11 Settembre 2018 - TAR Nelle gare di appalto «la referenza bancaria costituisce uno strumento finalizzato a dimostrare se i requisiti economici sussistano ». Pertanto laddove la referenza prodotta dall’impresa concorrente «non si riveli idonea a questo scopo, perché quanto ivi attestato non sia ritenuto sufficiente dall’amministrazione aggiudicatrice, quest’ultima è tenuta a soccorrere l’impresa mediante l’ampio potere di regolarizzazione previsto dal codice dei contratti». Qui Sentenza Cds Sez.III n.4810 del 03/08/2018...
Read More